Personale docente

Claudio Modena

Telefono: 0498275613

E-mail: claudio.modena@unipd.it

  • presso Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale - ufficio n. 216, piano 1
    Su appuntamento via e-mail

Attività svolte e in corso

Nato a Sommacampagna (Verona), Italia, 12 giugno 1946
Laureato in Ingegneria Civile Sezione Trasporti presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Padova, il 15/12/1970, con il massimo dei voti e la lode
Ha ottenuto nel 1971 una borsa di studio triennale dal Ministero della Ricerca e nel 1974 ha vinto il concorso di assistente presso la cattedra di Tecnica delle Costruzioni della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova
Nel 1988 è diventato Professore Associato e nel 1994 Professore Ordinario di Tecnica delle Costruzioni.
Titolare, presso l’Università di appartenenza, dei corsi di:
• Problemi Strutturali dei Monumenti e dell’Edilizia Storica
• Progetto di Ponti

Dall’anno accademico 2007-2008 è responsabile presso la sede di Padova dell'“Advanced Master Course in Structural Analysis of Monuments and Historical Constructions” (consorzio con Università di Minho PT, Politecnico di Barcellona ES e ITAM di Praga CZ, finanziato dall’European Masters Programme Erasmus Mundus

Dal 2011 è direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca in “Studio e Conservazione dei Beni Archeologici, Architettonici e Storico-Artistici (Beni Culturali)
È membro della Scuola di Dottorato in “Storia, Critica e Conservazione dei Beni Culturali” dell’Università di Padova
Direttore del Laboratorio Sperimentale per le prove sui Materiali da Costruzione annesso al Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale dell'Università di Padova

Rappresentante dell’Università di Padova presso il Distretto Veneto Beni Culturali, membro del Consiglio di Amministrazione e Responsabile Scientifico dello stesso

È membro dell’Advisory Committee del convegno internazione SAHC “Structural analysis of historic constructions”

È membro attivo delle seguenti associazioni:
• IABMAS (International Association for Bridge Maintenance and Safety)
• SAMCO (thematic network on Structural Assessment, Monitoring and Control)
• IALCCE (International Association for Life-Cycle Civil Engineering)
• ISHMII (International Society for Structural Health Monitoring of Intelligent Infrastructure)
• AICO (Associazione Italiana Compositi)

Partecipa all’attività di associazioni ed enti nazionali e internazionali, tra le quali:
• ICOMOS – International Council on Monuments and Sites
• UNESCO – United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization
• RILEM – International Union of Laboratories and Experts of Construction Materials, Systems and Structures
• ISO – International Organization for Standardization
• CEN – European Committee for Standardization
• ECTP – European Construction Technology Platform
• PTIC - Piattaforma Tecnologica Italiana delle Costruzioni
• UNI – Ente Nazionale Italiano di Unificazione

È membro del comitato congiunto responsabile di redazione e revisione delle “Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale”
Dal 2011 è membro della Commissione di Revisione delle Norme Tecniche per le Costruzioni
È membro della Commissione Sismica Regionale della Regione Veneto
È membro della Commissione tecnico-scientifica per il restauro dell’Arena di Verona
È membro della Commissione interdisciplinare tecnico-scientifica per il restauro della Cappella degli Scrovegni di Padova
Dal 2011 è membro della Commissione Nazionale per la previsione e prevenzione di grandi rischi (rischio sismico)

Download Curriculum_Modena.pdf

Attività svolte e in corso

• C. Modena, F. Casarin, F. Da Porto, M. Munari (2010). L'Aquila 6th April 2009 earthquake: emergency and post- emergency activities on cultural heritage buildings . In: Garevski M.; Ansal A.. Earthquake Engineering in Europe. vol. 17, p. 495-521

• Pellegrino C., Modena C (2010). Analytical model for FRP confinement of concrete columns with and without internal steel reinforcement. Journal of Composites For Construction, vol. 14(6), p. 693-705

• Aoki T, Mazzon N, Valluzzi M.R., Casarin F, Modena C (2010). Dynamic identification and damage detection of multi-leaf stone masonry building by shaking table test. Journal of Structural Engineering, vol. 56B, p. 99-105

• Modena C, Valluzzi M.R. (2010). El proyecto y la intervencion en el campanario de la catedral de Monza, Italia / Project and intervention on the bell tower of Monza chatedral, Italy. Loggia, vol. 22-23, p. 122-133

• Binda L, C. Modena, Casarin F, Lorenzoni F, Cantini L, Munda S (2010). Emergency actions and investigations on Cultural Heritage after the l'Aquila earthquake: the case of the Spanish Fortress. Bulletin of Earthquake Engineering, vol. 9, p. 105-138

• F. da Porto, G. Guidi, E. Garbin, C. Modena (2010). In-plane behavior of clay masonry walls: experimental testing and finite element modeling. Journal of Structural Engineering-ASCE, vol. 136, p. 1379-1392

• F. López-Almansa, V. Sarrablo, P.B. Lourenço, J.A.O. Barro, P. Roca, F. da Porto, C. Modena (2010). Reinforced Brick-Masonry Light Vaults: Semi-Prefabrication, Construction, Testing and Numerical Modelling. Construction And Building Materials, vol. 24, p. 1799-1814

• F. da Porto, F. Mosele, C. Modena (2011). Compressive behaviour of a new reinforced masonry system. Materials And Structures, vol. 44, p. 565-581

• F. da Porto, F. Mosele, C. Modena (2011). Cyclic Out-of-Plane Behaviour of Tall Reinforced Masonry Walls Under P-Δ Effects. Engineering Structures, vol. 33, p. 287-297

• C. Pellegrino, F. da Porto, C. Modena (2011). Experimental behaviour of reinforced concrete elements repaired with polymer-modified cementicious mortar. Materials and Structures, vol. 44(2), p. 517-527

• F. da Porto, F. Mosele, C. Modena (2011). In-plane cyclic behaviour of a new reinforced masonry system: experimental results. Engineering Structures, vol. 33, p. 2584-2596

• F. da Porto, M. Munari, A. Prota, C. Modena (2012). Analysis and repair of clustered buildings: Case study of a block in the historic city centre of L'Aquila (Central Italy). Construction And Building Materials, vol. 38, p. 1221–1237

• M. Grendene, P. Franchetti, C. Modena (2012). Regularity Criteria for RC and PRC Multispan Continuous Bridges. Journal of Bridge Engineering, vol. 17(4), p. 671-681

• Carturan F., Pellegrino C., Rossi R., Gastaldi M., Modena C. (2013). An integrated procedure for management of bridge networks in seismic areas. Bulletin of Earthquake Engineering, vol. 11(2), p. 543-559

• Zanini M.A., Pellegrino C., Morbin R., Modena C. (2013). Seismic vulnerability of bridges in transport networks subjected to environmental deterioration. Bulletin of Earthquake Engineering, vol. 11(2), p. 561-579

• P.B. Lourenço, D.V. Oliveira, J.C. Leite, J.M. Ingham, C. Modena, F. da Porto (2013). Simplified indexes for the seismic assessment of masonry buildings: International database and validation. Engineering Failure Analysis

Download Pubblicazioni_Modena.pdf

Attività svolte e in corso

I principali campi di interesse riguardano argomenti di meccanica strutturale, con riferimento a beni culturali e strutture esistenti in generale e ponti e viadotti e con stretta attinenza con problemi di progettazione strutturale, spesso suggeriti da esperienze professionali, quali:
- gli aspetti teorico/sperimentali delle tecniche e delle procedure per la valutazione strutturale delle strutture esistenti, in particolare storiche (metodi e tecniche di indagine statiche e dinamiche)
- il monitoraggio e l’individuazione dei comportamenti meccanici e strutturali (statico e dinamico);
- sviluppo, miglioramento e applicazione estesa di procedure per la valutazione della sicurezza e di metodi combinati (semplificati-complessi) di valutazione della vulnerabilità sismica di edifici storici esistenti (isolati o inseriti in gruppi interagenti, quali aggregati edilizi o interi centri storici) e di ponti e viadotti e per l'allocazione ottimale delle risorse e per la creazione di piani di mitigazione
- sviluppo, valutazione sperimentale dell’efficacia e caratterizzazione meccanica dei materiali e delle tecniche attualmente utilizzate o di recentemente proposte dai partner industriali per la riparazione e il rinforzo delle strutture esistenti in muratura e in c.a.: tecniche tradizionali e innovative, e la combinazione delle due, sono state considerate, attraverso la realizzazione di prove statiche (cicliche) e dinamiche
- caratterizzazione e sviluppo di norme per il dimensionamento di sistemi innovativi (FRP) per riparazione e rinforzo di strutture esistenti in muratura, cemento armato e precompresso;
- caratterizzazione dei solai in legno di costruzioni storiche sottoposti a interventi "leggeri" di rinforzo e modellazione a livello locale e globale della loro risposta sotto azioni sismiche
- sviluppo di sistemi innovativi di strutture portanti in muratura armata per costruzioni soggetti ad azioni sismiche

Nell’ambito dell’attività svolta in Abruzzo dal gruppo di ricerca a seguito dei danni causati al patrimonio storico-architettonico dal sisma del 6 aprile 2009, in collaborazione con il consorzio ReLUIS, con la struttura del Vice Commissario delegato per il recupero e la tutela del patrimonio culturale e con la Struttura Tecnica di Missione del Commissario delegato per la Ricostruzione sono state svolte:
- attività di analisi e rilievo del danno, di messa in sicurezza e di monitoraggio di edifici monumentali
- indagini in sito, verifiche di vulnerabilità sismica e progettazione strutturale di interventi di ripristino e restauro di edifici storici
- attività di valutazione della sicurezza sismica e delle strategie di intervento sul patrimonio murario dei centri storici (progetto ProPAGA)
- collaborazione alla stesura di Linee Guida e documenti tecnici
- partecipazione alla stesura dei Piani di Ricostruzione dell’Area Omogenea n. 4

Nell’ambito dell’attività svolta in Emilia Romagna, Lombardia e Veneto dal gruppo di ricerca a seguito dei danni causati al patrimonio storico-architettonico dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, in collaborazione con le Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici delle tre regioni coinvolte:
- attività di analisi e rilievo del danno e di messa in sicurezza di edifici monumentali
- istruttorie dei progetti di messa in sicurezza sui beni culturali della Regione Lombardia

Attività svolte e in corso

E' possibile fissare un appuntamento via e-mail per discutere dei possibili argomenti di tesi